Prima Fabbrica di orologi di Mosca - Poljot - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Prima Fabbrica di orologi di Mosca - Poljot

Orologeria > Orologi russi > Fabbriche orologi > Poljot - Полет
Poljot (полет) - the First Moscow Watch Factory
полет -   ПМЧЗ (Первый Московский Часовой Завод)

Cronologia della Poljot
La Poljot ( полет) fu la prima azienda orologiera fondata, su decisione dello Stato, in URSS dopo la cacciata dello Zar.
Prima per fondazione, spesso considerata la "prima" fra le industrie orologiere sovietiche anche per il valore della sua produzione, che arrivò a comprendere cronometri marini ( 6XM ) , orologi da polso, al quarzo e meccanici, incluso gli unici cronografi meccanici di produzione sovietica e russa.
La sua storia è intrecciata a quella di altre aziende e forse merita di essere letta nel dettaglio qui.
Alcune date importanti della sua storia:
  • 1927 - è decisa la fondazione della prima fabbrica di orologi dello Stato
  • 1930 - l'impianto è completato con l'installazione dei macchinari acquistati dall'americana Dueber Hampden: questo è l'anno ufficiale di fondazione e l'azienda prende il nome di 1 ГЧЗ (1 GCHZ) ovvero "Prima Fabbrica di orologi di Stato" (First State Watch Factory".)
  • 1935 - inizia la produzione dei primi K43 o (Tipo-1) e l'azienda assume il nome di S. M. Kirov
  • 1941 - a causa della guerra, i macchinari sono trasferiti da Mosca a Zlatoust
  • nel 1946 riprende la produzione di orologi a Mosca. La fabbrica viene denominata "First Moscow Watch Factory" 1MWF (Prima fabbrica di orologi di Mosca)
  • dal 1950 al 1961, è prodotto il cal. K26 "Pobeda" prodotto in precedenza dalla Fabbrica di orologi di Penza. Il marchio Pobeda, sarà quello apposto sul quadrante.
  • 1951 - La produzione di orologi aumenta a 1,1 milioni di pezzi all'anno.
  • 1956 - è prodotto il primo meccanico a ricarica automatica
  • 1959 - è avviata la produzione del Signal con cal. 2612
  • sono prodotti i "Moskva", "Majak", "Rodina" e "Kirowskie": com'è consuetudine all'epoca, sul quadrante compare il nome del modello, non la fabbrica che lo produce (distinguibile per un segno apposto nel movimento)
  • 1964 - l'azienda usa il marchio полет, cioè "volo", in onore del volo del primo cosmonauta sovietico Yuri Gagarin
  • negli anni '70, vengono acquistate in Svizzera le macchine e le attrezzature del Valjoux 7734 da cui sarà ricavato il cal. 3133
  • 1990 - La produzione sale a 5 milioni di pezzi l'anno
  • 1991/1992/1993 - l'azienda è premiata con il "Trofeo d'Oro per la Qualità" per i risultati raggiunti
  • 1992 - La "Prima fabbrica di orologi di Mosca" viene trasformata in una società per azioni chiusa
  • 1994 - inizia uno spacchettamento della società (si veda qui) che porterà alla costituzione di marchi diversi, tra i quali citiamo Poljot International, con sede in Germania.
  • 2004 - è concluso il processo di privatizzazione della società
  • 2005 - il 31 maggio 2005 l'assemblea degli azionisti delibera la vendita dei beni dell'azienda per concorrere al capitale societario. Il marchio Poljot cessa di essere una manifattura di orologi.
La manifattura, cioè la linea di produzione del cal. 3133 e l'80% del personale, resteranno a lavorare nella sede Poljot di Mosca, ma diventeranno personale della MakTime che non riuscirà ad acquisire i diritti del marchio Poljot

Possiamo dire che:
  • come visto qui, le trasformazioni politiche di fine anni '80 con la cessazione dei finanziamenti statali, i cambiamenti del mercato
  • il progressivo maggior peso di finanzieri (come conseguenza delle privatizzazioni) nelle scelte decisionali dell'azienda
metteranno in difficoltà la Poljot.
Il 31 maggio 2005, un'assemblea straordinaria degli azionisti, voterà con oltre il 91% la decisione di alienare i beni della società.
Sarà venduta la produzione di meccanismi, con i macchinari del cal. 3133 venduti al marchio MakTime.
La produzione dei calibri Poljot è persa, restano in vita aziende più o meno piccole, nate nel tempo dalla Poljot.
Menu sezione Poljot:
Potrebbe interessarti anche:
Privacy Policy
Torna ai contenuti