L'organizzazione dell'industria sovietica - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

L'organizzazione dell'industria sovietica

Orologeria > Orologi russi > Contesto storico
Se l'orologeria sovietica "made in urss" era diversa, era perché era diverso il contesto politico ed economico in cui nacque e prosperò; quello dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS).
In queste pagine, andiamo a vedere la nascita, l'evoluzione ed alcune caratteristiche dell'industria orologiera sovietica
Made in URSS (сделано в CCCP)

La nascita dell'industria orologiera sovietica
L'Unione Sovietica nacque nel 1917 a seguito della rivoluzione russa contro il regime monarchico assoluto degli Zar che avevano per secoli governato sullo sterminato impero Russo.
Gli investimenti statali nel settore iniziarono subito.
In epoca zarista la produzione nazionale era affidata a boutique di artigiani specializzati a produrre orologi per la nobiltà, su movimenti di importazione; l'industria orologiera venne però considerata strategica. Occorrevano orologi sui campi di battaglia per sincronizzare i movimenti delle truppe e nelle industrie per le tempistiche di lavorazione
Per questo motivo, in un'ottica autartica,  una delle prime mosse dello stato Sovietico fu nel 1923 la costituzione di un industria orologiera nazionale.
La missione non fu facile, perchè in sintesi ogni Paese era restio a vendere il sapere per produrre indipendentemente orologi; farlo, poteva significare far nascere un concorrente di domani.
La prima catena di montaggio e relativa manodopera fu acquisita nel 1929 in America dall'azienda in bancarotta Dueber-Hampden.
Passarono gli anni ed i decenni, gli investimenti continuarono e l'industria orologiera sovietica si rafforzò e divenne una punta di diamante nel panorama industriale sovietico dei beni di consumo, grazie anche all'importanza militare che gli era assegnata

Per una completa disamina sulla nascita e sviluppo dell'orologeria sovietica, vi rimando al libro "The Birth of Soviet Watchmaking".
La nascita dell'industria orologiera sovietica coincide con quella della "Prima Fabbrica Orologi di Mosca", nel 1923, trattata qui.
In Unione Sovietica in una prima fase le industrie non hanno un nome.
Il loro nome deriva dal numero della fabbrica; ad esempio la "Prima Fabbrica Orologi di Mosca" è così indicata perché fu la prima ad essere fondata.
La "Seconda Fabbrica Orologi di Mosca", fu la seconda e successivamente fu chiamata
Слава (Gloria, in russo); i nomi furono assunto successivamente, generalmente in onore di eventi propagandistici importanti o in funzione della propaganda.
Ad esempio la "Prima Fabbrica Orologi di Mosca" fu nel 1961 chiamata полет (volo) in onore del primo volo spaziale umano ad opera di Jury Gagarin
Numerosi erano i marchi, spesso ognuno con una propria specializzazione.
Lo sviluppo dell'industria orologiera sovietica

Lo sviluppo economico è perseguito nel tempo secondo piani di sviluppo quinquennali che indicavano il solco in cui doveva procedere il progresso economico della nazione, in particolare gli obiettivi economici (produttivi) nei vari settori.
In sintesi l'economia sovietica era:
  • centralizzata e pianificata: per ogni anno, un comitato legato allo Stato stabiliva per ogni azienda gli obiettivi di produzione che dovevano essere conseguiti e le risorse che le dovevano essere assegnate.
  • pubblica: ogni azienda era di proprietà dello Stato. Il fallimento di un'azienda non era possibile, tutt'al più, per esigenze produttive, un'azienda poteva essere convertita, trasferita e gli poteva essere cambiata denominazione
Lo sviluppo sovietico privilegiò l'industria pesante, a discapito di quella leggera e dei beni di consumo, i cui prodotti spesso erano inferiori alle controparti occidentali, perché "più poveri".
Spiccava però nel settore dei beni di consumo, l'industria orologiera, in cui nel tempo si erano formate realtà molto ben organizzate, poco toccate dal fenomeno del sturmovŝina che invece danneggiava altre realtà produttive sovietiche
L'industria orologiera, sopratutto in alcune marchi, aveva produzioni (al quarzo) completamente automatizzate, raggiungendo un'elevata quantità e qualità.
In epoca sovietica, il 50% delle esportazioni era verso i Paesi del Comecon; l'esportazione verso i Paesi occidentali molto più bassa e spesso avveniva utilizzando marchi che ne nascondessero l'origine.
In virtù del diverso sistema economico, questa produzione era economica rispetto alle analoghe occidentali, con elevato rapporto valore/prezzo.
Per informazioni sulla produzione orologiera sovietica, vai direttamente qui
(sopra: ritaglio da La Stampa del 1967, dall'Archivio La Stampa)
I problemi di qualità nella produzione sovietica

L'industria sovietica dei beni di consumo, soffriva di una percentuale troppo alta di prodotti difettosi.
La colpa era:
  • nell'organizzazione del lavoro
  • nella carenza dei componenti necessari alle produzioni
In molti luoghi di lavoro, la produttività non era elevata: lo conferma anche il direttore generale della Poljot, in questa intervista.
Inoltre, una linea di produzione non può procedere se non ha tutti i componenti necessari al montaggio; se questi tardano ad arrivare, tarderà anche l'inizio della produzione.
Questa situazione, in sintesi, portava per tutti ad una corsa all'ultimo minuto per raggiungere gli inderogabili obiettivi quantitativi prefissati.
I controlli di qualità c'erano, ma spesso erano affidati a personale che era comunque legato all'azienda e che quindi aveva interesse affinché l'azienda raggiungesse gli obiettivi di produzione.
Questa situazione era così tipica, che in russo ha un nome specifico: sturmovŝina (in russo штурмовщина, trad. "corsa all'ultimo minuto").

Le industrie orologiere sovietiche, tra le più organizzate ed avendo un ciclo di produzione chiuso, cioè interno alle aziende stesse, erano tra quelle in cui la difettosità era più bassa, pur restando su livelli superiori agli omologhi occidentali.
I compiti di un'azienda in epoca sovietica

L'obiettivo di un'azienda in epoca sovietica era produrre al fine di conseguire gli obiettivi di produzione fissati dallo Stato.
Il "successo" di un azienda era nel raggiungimento degli obiettivi di produzione ed era ripagato con l'assegnazione da parte dello Stato di finanziamenti all'azienda, anche per il miglioramento dei servizi di cui fruivano i dipendenti
Ricordiamo infatti come le aziende sovietiche erano delle comunità, come in parte erano da noi alcune aziende nel tardo ottocento, si pensi ad esempio al Villaggio Leumann a Collegno (TO).
Le aziende sovietiche si occupavano del welfare dei loro dipendenti; fornivano loro una casa, in cittadine in prossimità dell'impianto con annessi servizi scolastici, sanitari, di svago, negozi, nonché la pensione.
Il successo dell'azienda, aveva ricadute su tutto questo microcosmo e quindi direttamente sulla condizione dei lavoratori che, a seconda dell'azienda in cui lavoravano, avevano quindi una diversa qualità dei servizi ricevuti, il che impattava enormemente sulle condizioni di vita quotidiane.

Si badi ancora che il successo di cui si sta parlando è legato solo alla produzione; la vendita era competenza di apposite altre strutture dello Stato.
Potrebbe anche interessarti:
Contesto storico
Il contesto storico di sviluppo dell'industria orologiaia sovietica e poi russa:
a) comunismo
b) perestrojka
c) libero mercato
Orologio fake o legittimo?
Le collaborazioni che crearono tanti modelli: quali orologi sono legittimi e quali da considerarsi falsi?
a) produzioni della Casa
b) produzioni su disegno degli importatori
c) produzioni "all'insaputa" del Casa
Gli anni della moda del sovietico in Italia
Alcune produzioni create dagli importatori italiani, durante gli anni della moda del sovietico in Italia:
1) Cronografo komandirskie cal. 3133
2) Vremia (BPEMR)
L'orologeria russa oggi
Le aziende russe di orologi ancora oggi in attività.
Maktime (МакТайм)
L'azienda che cercò di essere l'erede della Poljot di Mosca
Poljot (полет)
Storia, cataloghi, parte della produzione della Prima Fabbrica di Orologi di Mosca.
Poljot International
Poljot International: la Poljot che andò in Germania e lì sopravvive ancora
Cronografi Poljot
Descrizione e foto di alcuni cronografi Poljot, dal periodo sovietico a quello russo, passando per gli anni della moda del sovietico in Italia
Sturmanskie (Штурманские)
I cronografi militari della Poljot: gli Sturmanskie (Штурманские).
Ma quali, sono davvero militari?
Poljot cal. 2612
Anche gli orologi meccanici da polso, potevano avere la sveglia; lo svegliarino Poljot
Boctok - восток
La storia, parte della produzione, i cataloghi della Vostok (Boctok)
Komandirskie (Командирские)
Storia, informazioni e foto sui Boctok (Wostok) komandirskie (Командирские): tra gli orologi russi più conosciuti.
Amphibia (АМФИБИЯ)
Storia e modelli dei celebri orologi subacquei Wostok Amphibia (АМФИБИЯ), nelle diverse casse e quadranti
Produzioni russe da joint venture
Produzioni russe, disegnati dagli importatori, per il mercato europeo ed americano.
Orologi Boctok Amfibia
Alcune produzione moderne Wostok (Boctok), come la linea Amfibia
(in costruzione)
Slava (Слава)
Storia ed informazioni della Seconda Fabbrica di orologi di Mosca: la Slava (Слава)
(in costruzione)
Paketa (Raketa)
I primi orologi russi a sbarcare in Italia furono loro: i Paketa.
Vediamo alcuni modelli, tra cui:
a) calendario perpetuo
b) modello 24 ore
Vostok Europe
Vostok-Europe: l'azienda lituana, nata con la collaborazione della Vostok (in costruzione)
Cataloghi Wostok (Vostok)
Cataloghi ed altra documentazione ufficiale Wostok (Vostok): fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
Epoca sovietica ed epoca russa.
Cataloghi Poljot
Cataloghi Poljot: testimoniano l'evoluzione dei prodotti della Prima Fabbrica Orologi di Mosca e sono fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
Seagull St19
Informazioni sul cal. ST19 Sea-Gull e sul cronografo più tipico che lo monta: il Seagull 1963
La replica del primo cronografo dell'aviazione cinese
Suzuki Jimny
Manuale di manutenzione del Suzuki Jimny 2004
Cronografi POINTtec
Junkers, Zeppelin: il made in Germany con il cuore russo.
Parata per la Rivoluzione d'0ttobre del 1981

Sotto, da youtube, la parata dell'Unione Sovietica per il 64th anniversario della Rivoluzione.
Siamo nel 7 novembre del 1981; l'Unione Sovietica è potente e temuta.
Ci sono criticità, ma nessuno può pensare che da quel giorno a 10 anni, l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, si dissolverà.
Privacy Policy
Torna ai contenuti