Sea-Gull Watch Group - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Sea-Gull Watch Group

Orologeria > Orologi orientali > Sea-Gull
Sea-Gull Watch Group
Tianjin Seagull Watch Group - la storia

Lo sviluppo dell'industria orologiera cinese, ha similitudini con quella sovietica, in quanto entrambe nacquero e si svilupparono per iniziativa statale.
L'industria moderna degli orologi in Cina iniziò a crescere dagli anni '50, con la costituzione di diversi impianti, tra i quali la WuXing, la futura "Seagull Watch Group".
Vediamo in sintesi la storia per date (fonte, qui):
  • 1955 - a gennaio viene fondata l'azienda ed inizia la produzione, con la denominazione di "五星” ("5 stelle")
  • 1958 - la denominazione dell'azienda diventa "Tianjin Wuyi Watch Factory" e nel 1962 diventa "Tianjin Watch Factory"
  • 1961 - l'azienda riceve l'incarico di produrre un cronografo meccanico da polso per esigenze militari
  • 1965 - inizia la produzione del cronografo per l'aeronautica militare cinese. Alla fine di ottobre 1966, ne saranno prodotti 1400 esemplari.
  • 1965 - l'azienda diventa a "ciclo chiuso", inglobando tutte le capacità per produrre internamente un orologio
  • 1966 - è sviluppato il ST5 con cui è prodotto il primo orologio meccanico cinese, con il marchio DongFeng (东风)
  • 1969 al 1971 - sono ingegnerizzate e prodotte diverse variazioni su base ST5: è aggiunto il datario, la carica automatica.
Le capacità dimostrate dalla "Tianjin Watch Factory" (l'odierna Seagull) le consentirono di essere esonerate dal produrre il "Tongji", il pur pregevole movimento cinese standard, progettato e costruito per "permettere ad ogni cinese di avere un orologio".
  • 1973 - Tianjin Watch Factory (l'odierna Seagull) ottiene il permesso governativo per commerciare all'estero il "Dongfeng" con il marchio Seagull
  • 1974 - è avviata la progettazione del primo calibro meccanico da donna, ST6 che sarà prodotto a partire dalla fine del 1975.
  • 1988 - la futura Seagull ottiene il permesso dal governo cinese di gestire la commercializzazione dei propri orologi
  • 1992 - viene assunta l'attuale denominazione: Tianjin Seagull Corporation. Nello stesso anno si decide di abbandonare la produzione di orologi meccanici a favore di orologi al quarzo; cinque anni dopo si ha un completo cambio di direzione e la produzione si concentra unicamente sui movimenti meccanici.
Oggi sembrerebbe una decisione folle, ma all'epoca, esattamente in quegli anni, anche la Poljot investì ingenti risorse nei quarzi.
  • 2002 - viene sviluppato autonomamente un "Tourbillon" che supera in giudizio in Svizzera reclami legali per violazione della proprietà intellettuale.
  • 2009 - la Seagull produce movimenti per conto terzi e propri orologi. Nel 2009 ha venduto 300mila orologi con il proprio marchio ed ha prodotto 5 milioni di movimenti
  • 2010 - viene ultimata la nuova sede produttiva a Tianjin, vicino all'aeroporto.
Per un completo tour fotografico del nuovo stabilimento della Seagull andate qui, da cui sono tratte le foto sottostanti, mentre per un intervista, in inglese, all'attuale general manager, andate qui, in cui si ribadisce che è la Seagull
  • prima produttrice di orologi in al mondo in termini di volumi (fonte 2007)
  • la prima al mondo per la produzione di movimenti meccanici
  • produce un quarto dei movimenti meccanici prodotti nel mondo (fonte 2007)
  • produce movimenti per numerosi assemblatori terzi
Da notare che alcuni assemblatori terzi, imitano i modelli della Sea-Gull, in una situazione che ci ricorda quella della Poljot con le produzioni terziste.
Oltre che produttore di movimenti, la Sea-Gull produce orologi con il proprio marchio.
Da segnalare anche il Museo allestito su un area di 1000 mq, presso il nuovo stabilimento: per informazioni, qui.
Indice della sezione Seagull:
Pag. 1:  Storia ed informazioni Tianjin Seagull Watch Group
Pag. 3:  I diversi tipi di Seagull ST19
Pag. 4:  I cronografi meccanici che montano il Seagull ST19 ed i loro prezzi
Pag. 5:  Il Seagull 1963, replica del cronografo dell'Aeronautica militare cinese
Pag. 6:  Il Seagull ST1940 ed i cronografi meccanici automatici più economici

Privacy Policy
Torna ai contenuti