L'organizzazione dell'industria sovietica - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

L'organizzazione dell'industria sovietica

Orologeria > Orologi russi > Contesto storico
Continuiamo il viaggio alla scoperta del contesto sociale ed economico in cui si sviluppò l'industria degli orologi russi.
In questa pagina vediamo perché l'industria orologiera sovietica, sapeva produrre, ma non sapeva vendere.
I canali di vendita di epoca sovietica
Lo status sociale, il Mashpriborintorg, i Berjozka

La gestione dei canali di vendita degli orologi russi, non era demandata alle aziende produttrici, ma ad altre organizzazioni dello Stato, che gestivano canali di vendita diversi, a seconda del cittadino a cui si rivolgevano o della tipologia di merce venduta.
In epoca sovietica, per comprare un bene di consumo, non bastava averne i denari o meglio; i fattori in gioco erano anche altri.
L'accesso ai beni di consumo, infatti, dipendeva:
  • dal proprio stato sociale, che era dato dal lavoro, cioè dalla mansione e dall'azienda per cui si lavorava. In epoca sovietica infatti molte aziende mettevano a disposizione dei propri dipendenti "negozi", in cui c'era una diversa scelta di beni di consumo, nonché strutture per l'istruzione e la sanità.
Il vero lusso, in epoca sovietica, era l'accesso ai beni di consumo e la libertà di andare all'estero; a molti, per considerarsi "fortunati", bastavano i primi, anche perché chi aveva un accesso privilegiato ai beni di consumo, aveva anche accesso ad un'istruzione ed assitenza sanitaria migliore, essendo anch'esse legate al proprio impiego.
Ecco che lo status sociale di elite (prima fra tutti, la burocrazia statale, di partito ed i militari), dava un accesso prioritario ai beni di consumo; case, automobili, televisori, elettrodomenistici... ed anche orologi.

La distribuzione dei beni di consumi poteva avvenire con diversi canali, più o meno direttamente riconducibili allo Stato:
  • spacci aziendali, in cui potevano acquistare solo i dipendenti; in negozi di questo tipo, proprietà del Ministero della Difesa se la storia che si narra è vera, erano venduti i заказ мо ссср (3aka3 mo cccp)
  • negozi riservati a funzionari pubblici, la cui esistenza era mal sopportata dalla cittadinanza
  • i Berjozka, catene commerciali in cui si poteva acquistare solo con valuta straniera. I Vneshposyltorg erano analoghi, ma per corrispondenza.
  • negozi di distribuzione statali. Questi ultimi erano diversamente approvigionati a seconda della loro ubicazioni; in generale le grandi città, come Mosca e Leningrado, erano rifornite meglio. Alcuni aspetti di vita quotidiana, con le code davanti ai negozi, sono stati anche illustrati nel film La casa Russia, ma vi saranno confermati da chiunque sia vissuto in Unione Sovietica. Prossimamente pubblicherò delle testimonianze.

Il possesso di valuta straniera permetteva nei Berjozka di comprare, avendone il denaro, qualunque bene, saltando ogni tempo di attesa come invece accadeva per i comuni canali di approvigionamento, in cui il cittadino doveva affrontare lunghe code.
La valuta estera poteva essere in legale possesso di chi aveva lavorato all'estero o dei turisti.

Tutto questo, si riflette sui cataloghi di vendita.
I cataloghi di vendita possono essere principalmente di due tipi:
  • cataloghi di beni di consumo del Vneshposyltorg (Vnešposyltorg) che riportano beni acquistabili dai cittadini russi, solo in valuta estera (o con equivalenti buoni) quindi ad una piccola percentuale di cittadini
  • cataloghi di vendita per il commercio estero (di cui si occupava il Mashpriborintorg): erano i beni di produzione sovietica che erano acquistabili nel mondo
In epoca sovietica, le singole aziende non stampavano cataloghi di vendita perché non spettava a loro vendere il proprio prodotto

Sotto: foto di una pubblicità da un catalogo Mashpriborintorg, da qui; foto del bancone di un negozio statale, di una coda fuori da un negozio, di una gigantografia di Lenin (di Burt Glinn), da EnglishRussia
Potrebbe anche interessarti:
Contesto storico
Il contesto storico di sviluppo dell'industria orologiaia sovietica e poi russa:
a) comunismo
b) perestrojka
c) libero mercato
Orologio fake o legittimo?
Le collaborazioni che crearono tanti modelli: quali orologi sono legittimi e quali da considerarsi falsi?
a) produzioni della Casa
b) produzioni su disegno degli importatori
c) produzioni "all'insaputa" del Casa
Gli anni della moda del sovietico in Italia
Alcune produzioni create dagli importatori italiani, durante gli anni della moda del sovietico in Italia:
1) Cronografo komandirskie cal. 3133
2) Vremia (BPEMR)
L'orologeria russa oggi
Le aziende russe di orologi ancora oggi in attività.
Maktime (МакТайм)
L'azienda che cercò di essere l'erede della Poljot di Mosca
Poljot (полет)
Storia, cataloghi, parte della produzione della Prima Fabbrica di Orologi di Mosca.
Poljot International
Poljot International: la Poljot che andò in Germania e lì sopravvive ancora
Cronografi Poljot
Descrizione e foto di alcuni cronografi Poljot, dal periodo sovietico a quello russo, passando per gli anni della moda del sovietico in Italia
Sturmanskie (Штурманские)
I cronografi militari della Poljot: gli Sturmanskie (Штурманские).
Ma quali, sono davvero militari?
Poljot cal. 2612
Anche gli orologi meccanici da polso, potevano avere la sveglia; lo svegliarino Poljot
Boctok - восток
La storia, parte della produzione, i cataloghi della Vostok (Boctok)
Komandirskie (Командирские)
Storia, informazioni e foto sui Boctok (Wostok) komandirskie (Командирские): tra gli orologi russi più conosciuti.
Amphibia (АМФИБИЯ)
Storia e modelli dei celebri orologi subacquei Wostok Amphibia (АМФИБИЯ), nelle diverse casse e quadranti
Produzioni russe da joint venture
Produzioni russe, disegnati dagli importatori, per il mercato europeo ed americano.
Orologi Boctok Amfibia
Alcune produzione moderne Wostok (Boctok), come la linea Amfibia
(in costruzione)
Slava (Слава)
Storia ed informazioni della Seconda Fabbrica di orologi di Mosca: la Slava (Слава)
(in costruzione)
Paketa (Raketa)
I primi orologi russi a sbarcare in Italia furono loro: i Paketa.
Vediamo alcuni modelli, tra cui:
a) calendario perpetuo
b) modello 24 ore
Vostok Europe
Vostok-Europe: l'azienda lituana, nata con la collaborazione della Vostok (in costruzione)
Cataloghi Wostok (Vostok)
Cataloghi ed altra documentazione ufficiale Wostok (Vostok): fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
Epoca sovietica ed epoca russa.
Cataloghi Poljot
Cataloghi Poljot: testimoniano l'evoluzione dei prodotti della Prima Fabbrica Orologi di Mosca e sono fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
Seagull St19
Informazioni sul cal. ST19 Sea-Gull e sul cronografo più tipico che lo monta: il Seagull 1963
La replica del primo cronografo dell'aviazione cinese
Suzuki Jimny
Manuale di manutenzione del Suzuki Jimny 2004
Cronografi POINTtec
Junkers, Zeppelin: il made in Germany con il cuore russo.
Sotto:
  • Mosca nel periodo 1990/1991, in un negozio gestito dallo Stato.
Si vedono le conseguenze della recessione economica che precedette la cadura del regime sovietico ed in generale l'arretratezza del contesto.
Come abbiamo scritto, non fu la perestrojika a far cadere il regime sovietico: la perestrojka fu il tentativo del regime di conservarsi, trasformandosi.
  • Mosca, nel novembre del 1991; un mese prima del collasso.
Si vedono i magazzini GUM, il fiore all'occhiello dei negozi di Stato, scene di mercato rionale, la coda davanti al McDonald's.
  • Mosca 1990: negozio statale di vendita di beni di consumo
Privacy Policy
Torna ai contenuti