Le differenze dell'industria sovietica - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Le differenze dell'industria sovietica

Orologeria > Orologi russi > Contesto storico
Differenze tra сделано в CCCP e сделано в России

Nell'Unione Sovietica, l'economia era strettamente pianificata, centralizzata ed interamente in mano allo Stato; un sistema economico completamente diverso da quello "occidentale" che sarà applicato in Russia dal 1992.
L'obiettivo dell'industria occidentale: vendere

Nel mondo occidentale (che mi piace indicare come "nostro"), l'obiettivo di un'industria è di produrre, al fine di vendere e guadagnare; la produzione, è solo un mezzo per raggiungere l'obiettivo finale del utile economico.
Grazie alla vendita dei propri prodotti, l'azienda consegue i mezzi finanziari per mantenere in piedi la propria struttura e fare investimenti, indispensabili in un contesto economico competitivo, in cui bisogna continuamente innovare il prodotto, anticipando o stando al passo con le aziende concorrenti.
I costi, devono essere correlati ai ricavi.
Quindi in sintesi, nel mondo occidentale:
  • la produzione è il mezzo per conseguire un ricavato economico, che è il vero obiettivo dell'impresa
  • occorre continuamente investire, per far fronte alla concorrenza (più o meno aperta, a seconda del periodo storico, anche nel mondo occidentale)
Le caratteristiche dell'industria degli orologi sovietici a fine anni '80

L'economica sovietica era completamente diversa da quella occidentale; le aziende sovietiche lavoravano in base ad obiettivi produttivi.
La vendita e la distribuzione di quanto prodotto, spettavano ad altre strutture dello Stato.

Le industrie sovietiche entrarono nel sistema economico occidentale (libero mercato) con strutture costruite in un sistema economico in cui era presente il finanziamento pubblico, non più possibile nel libero mercato; questa fu una zavorra, che penalizzò anche quelle aziende i cui prodotti potevano essere competitivi.
L'industria orologiera sovietica si presentò sul finire degli anni '80 arretrata rispetto alle rivali occidentali e quindi, paradossalmente, forte nel settore degli orologi meccanici, potendo tramite i vari marchi offrire una vasta produzione, per varietà, qualità e quantità.

L'industria orologiera sovietica aveva però caratteristiche (comuni ad altre aziende sovietiche) che nel sistema economico occidentale, erano debolezze:
    • il contesto economico sovietico era molto meno competitivo di quanto accadeva nel mondo occidentale. Questo rendeva le aziende sovietiche meno efficienti delle controparti occidentali. I vari stabilimenti,  finanziati dello Stato, avevano costi elevati. Si pensi ad esempio che la Raketa negli anni '80 aveva seimila dipendenti. Non dimentichiamo che in epoca sovietica, le aziende fornivano anche un completo welfare ai propri dipendenti.
    • il sistema economico sovietico era centralizzato: i direttori generalmente erano ottimi esecutori, ma peccavano in iniziativa ed intraprendenza propria.  
    • Le aziende sovietiche, sapevano produrre, ma non sapevano vendere, in quanto la vendita era compito di altre organizzazioni statali.
    • i dirigenti degli stabilimenti, non avevano conoscenza del sistema economico occidentale.
    • i sovietici non avevano scuole di design, come invece accadde in Germania ad esempio con la scuola Bauhaus.  I loro orologi, tecnicamente ottimi e di ottimo rapporto valore/prezzo, generalmente ricalcavano produzioni occidentali. Fu così anche per gran parte degli anni '90. Fanno eccezione in epoca sovietica alcuni creazioni, su tutte i komandirskie che infatti diventeranno rappresentativi di tutta la produzione sovietica, pur in realtà non rappresentandola affatto.
    Il perché un confronto tra l'orologeria sovietica e quella russa è insensato

    L'orologeria russa, intesa come post-sovietica, può sinteticamente essere definita come ciò che l'orologeria sovietica è diventata, con l'ingresso del proprio paese nel mondo economico occidentale; è il risultato della trasformazione dell'industria sovietica degli orologi.
    In quest'ottica, ne conserva le tracce, ma ne è anche differente.
    Le similitudini tra le due industrie, sono nelle meccaniche utilizzate; l'attuale industria degli orologi russi, utilizza in massima parte movimenti di propria produzione.
    In un mondo orologiaio sempre più globalizzato, l'utilizzo di movimenti in house, di propria progettazione e costruzione, non è poco.
    Le differenze sono date dalle diversità del mondo in cui le due industrie hanno operato:
    • all'industria degli orologi sovietici, era sufficiente produrre per sopravvivere, perché era sovvenzionata dallo Stato
    • l'industria degli orologi russi, doveva e deve vendere, per sopravvivere. Non le bastava produrre.
    Un confronto tra le due industrie, è quindi insensato, eppure si fa non di rado, per sostenere la superiorità dell'industria sovietica, sulla base dei numeri di produzione, esattamente con i criteri quantitativi di epoca sovietica; criteri che nel mondo occidentale, sono insensati.
    Un confronto attraverso due mondi diversi, quello sovietico e quello occidentale, non è sensato; ignorare i legami tra l'industria russa e quello sovietica, per lo scrivente è solo la conseguenza di convinzioni politiche.
    Potrebbe anche interessarti:
    Contesto storico
    Il contesto storico di sviluppo dell'industria orologiaia sovietica e poi russa:
    a) comunismo
    b) perestrojka
    c) libero mercato
    Orologio fake o legittimo?
    Le collaborazioni che crearono tanti modelli: quali orologi sono legittimi e quali da considerarsi falsi?
    a) produzioni della Casa
    b) produzioni su disegno degli importatori
    c) produzioni "all'insaputa" del Casa
    Gli anni della moda del sovietico in Italia
    Alcune produzioni create dagli importatori italiani, durante gli anni della moda del sovietico in Italia:
    1) Cronografo komandirskie cal. 3133
    2) Vremia (BPEMR)
    L'orologeria russa oggi
    Le aziende russe di orologi ancora oggi in attività.
    Maktime (МакТайм)
    L'azienda che cercò di essere l'erede della Poljot di Mosca
    Poljot (полет)
    Storia, cataloghi, parte della produzione della Prima Fabbrica di Orologi di Mosca.
    Poljot International
    Poljot International: la Poljot che andò in Germania e lì sopravvive ancora
    Cronografi Poljot
    Descrizione e foto di alcuni cronografi Poljot, dal periodo sovietico a quello russo, passando per gli anni della moda del sovietico in Italia
    Sturmanskie (Штурманские)
    I cronografi militari della Poljot: gli Sturmanskie (Штурманские).
    Ma quali, sono davvero militari?
    Poljot cal. 2612
    Anche gli orologi meccanici da polso, potevano avere la sveglia; lo svegliarino Poljot
    Boctok - восток
    La storia, parte della produzione, i cataloghi della Vostok (Boctok)
    Komandirskie (Командирские)
    Storia, informazioni e foto sui Boctok (Wostok) komandirskie (Командирские): tra gli orologi russi più conosciuti.
    Amphibia (АМФИБИЯ)
    Storia e modelli dei celebri orologi subacquei Wostok Amphibia (АМФИБИЯ), nelle diverse casse e quadranti
    Produzioni russe da joint venture
    Produzioni russe, disegnati dagli importatori, per il mercato europeo ed americano.
    Orologi Boctok Amfibia
    Alcune produzione moderne Wostok (Boctok), come la linea Amfibia
    (in costruzione)
    Slava (Слава)
    Storia ed informazioni della Seconda Fabbrica di orologi di Mosca: la Slava (Слава)
    (in costruzione)
    Paketa (Raketa)
    I primi orologi russi a sbarcare in Italia furono loro: i Paketa.
    Vediamo alcuni modelli, tra cui:
    a) calendario perpetuo
    b) modello 24 ore
    Vostok Europe
    Vostok-Europe: l'azienda lituana, nata con la collaborazione della Vostok (in costruzione)
    Cataloghi Wostok (Vostok)
    Cataloghi ed altra documentazione ufficiale Wostok (Vostok): fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
    Epoca sovietica ed epoca russa.
    Cataloghi Poljot
    Cataloghi Poljot: testimoniano l'evoluzione dei prodotti della Prima Fabbrica Orologi di Mosca e sono fondamentali per verificare la coevità di un orologio.
    Seagull St19
    Informazioni sul cal. ST19 Sea-Gull e sul cronografo più tipico che lo monta: il Seagull 1963
    La replica del primo cronografo dell'aviazione cinese
    Suzuki Jimny
    Manuale di manutenzione del Suzuki Jimny 2004
    Cronografi POINTtec
    Junkers, Zeppelin: il made in Germany con il cuore russo.
    Privacy Policy
    Torna ai contenuti