Niva 4x4 - La (mia) finestra sul web

La (mia) finestra sul web
orologeria, tecnica, informatica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Niva 4x4

Auto > Lada Niva 4x4

Chevrolet Niva 4x4

A proposito della Lada Niva 4x4, ho scritto come sia rimasta molto fedele a sé stessa, nonostante una progettazione che risale agli anni '70, anche grazie alla "pigrizia" dell'industria sovietica nell'innovare un qualcosa che, seppur migliorabile, già soddisfava i requisiti che ci si era prefissati.
Nel campo dei beni di consumo (com'è un auto), l'industria sovietica non aveva i fondi né gli stimoli, politici e di mercato, per innovare.
La concorrenza, nell'economia sovietica, era molto poca e come accennato, i fondi a disposizione per gli sviluppi dei prodotti, erano molto limitati; le priorità del sistema economico sovietico, non erano nello sviluppo dei beni di consumi.
Quando, con gli anni '90, è cessata l'economia sovietica ed è iniziato il libero mercato, l'industria dei beni di consumo ha percepito la necessità di innovare, ma non ne aveva le capacità tecniche né i fondi.
Per fortuna della AutoVAZ (Lada), la Niva 4x4 è stato un ottimo progetto che gli ha permesso di "vivere di rendita", restando in qualche modo attuale con pochi accorgimenti, sopratutto in ambito motoristico per mantenerla aggiornata con le ultime normative ecologiche.
A parte la bontà del progetto, la Lada Niva 4x4 ha dalla sua l'avere poche concorrenti; da quando ha iniziato ad averle anche sul mercato interno, la Lada ha avviato un più deciso rinnovamente degli interni.  
La Lada Niva 4x4 è oggi, sui mercati europei e su quello russo, un veicolo abbastanza unico, in virtù sopratutto del prezzo, il più basso che c'è e della filosofia che incarna; semplicità di manutenzione, disegno sobrio e spartano, sicuramente vintage, climatizzatore e vetri elettrici solo su richiesta.

In due parole, la Lada Niva 4x4, vuole ispirare semplicità e robustezza ed ha quindi un preciso target, sempre più minacciato però da altre soluzioni, che cercano di esser un maggior compromesso tra la robustezza della "vecchia" Lada e l'attualità del comfort offerto.
Una sua grande concorrente, anche sul mercato europeo, sembrava essere il modello che la AutoVAZ, in collaborazione con la GM, studiò sul finire degli anni '90 proprio come evoluzione della Lada Niva 4x4;  i diritti di tale modello, che condivide con il precedente la meccanica, furono acquistati dalla GM, incluso l'uso del nome NIVA ed oggi, il prodotto è venduto con il marchio Chevrolet come Niva, mentre quella nota come Lada Niva 4x4, è oggi solo chiamata Lada 4x4.

Per un periodo si parlò di una sua commercializzazione anche in Italia, ma non se ne fece nulla, più che altro per un discorso di costi elevati, legati ai costi elevati che un importatore avrebbe dovuto sostenere per ottenerne l'omologazione in Italia (con le conseguenti modifiche che ciò avrebbe comportato).
Costi elevati che, su piccoli numeri di vendita, avrebbero comportato un forte aumento del prezzo sulla singola vettura venduta.
In un mercato, come quello dei piccoli fuoristrada, poco innovativo, non mi stupirei se tra qualche anno, la Chevrolet o qualcun altro decidesse di vendere la "nuova" Niva, anche detta "Chevy Niva".
La linea è attuale, la motorizzazione, attualmente identica a quella Lada, può essere aggiornata, insomma, mai dire mai.
Ovviamente, questa "nuova" Niva, fa storcere il naso a chi, della Lada 4x4, ne apprezza lo stile, il gusto del retrò, l'anima.

 
Cerca
Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu